Novità Brexit

15 gennaio 2021

Novità Brexit

Dal 01.01.2021 è terminato il periodo di transizione con l’Unione Europea e il Regno Unito gestirà un confine esterno come nazione sovrana.

 

Per concedere all’industria tempo extra al fine di prendere le disposizioni necessarie, il Regno Unito ha previsto tre fasi per suddividere i controlli alle frontiere.

 

In questa news vedremo le principali novità per la vendita di merci e per la fornitura di servizi a imprese situate nel Regno Unito.

 

Novità per vendita merci

 

Fase Gennaio 2021

Il regime doganale di esportazione sarà obbligatorio per i beni unionali che escono dal territorio doganale dell'UE. Il venditore in qualità di esportatore dovrà essere in possesso di un codice EORI, da indicare nella casella

2 del DAU.

  • In primo luogo, l'esportatore presenterà i beni e una dichiarazione di pre-partenza (dichiarazione doganale, dichiarazione di riesportazione, dichiarazione sommaria di uscita) presso l'ufficio doganale competente del luogo in cui è stabilito, ovvero dove i beni sono imballati o caricati per l'esportazione (ufficio doganale di esportazione).
  • Successivamente i beni saranno presentati all'ufficio doganale di uscita, che può esaminare i beni presentati sulla base delle informazioni ricevute dall'ufficio doganale di esportazione e vigilerà sulla loro uscita materiale dal territorio doganale dell'UE.
  • I beni saranno non imponibili ai fini Iva perché sono spediti o trasportati verso una destinazione al di fuori dell'Unione.
  • Il fornitore dei beni esportati deve essere in grado di provare che i beni hanno lasciato l'Unione. A tale riguardo gli Stati membri generalmente si basano sulla certificazione di uscita consegnata all'esportatore dall'ufficio doganale di esportazione.
  • Se i beni rientrano nell'elenco delle merci “controlled” (elencati nell’Allegato C al Border Operating Model October 2020) o prodotti soggetti ad accisa, come alcool e prodotti del tabacco, dovrà essere presentata la dichiarazione doganale completa; diversamente, per merci “non-controlled”, gli acquirenti dovranno verificare come deve essere calcolata e pagata l’Iva sui beni importati; avranno successivamente fino a 6 mesi per completare la dichiarazione doganale. Le tariffe doganali saranno pagate, quando dovute, sui beni assoggettati, il pagamento potrà essere differito fino a quando non sarà conclusa la dichiarazione doganale.
  • I commercianti di animali vivi o piante e prodotti vegetali ad alta priorità devono essere preparati per la presentazione di documentazione aggiuntiva e controlli effettuati nel punto di destinazione.
  • Non occorre di inviare:
 

.. dichiarazioni di Safety and Security;

.. dichiarazioni doganali complete al punto di importazione, se si sta importando un bene “non controlled” e si decide di ritardare la dichiarazione fino a 6 mesi.

 

Fase Aprile 2021

 

  • I commercianti di tutti i prodotti di origine animale (POAO - products of animal origin), quali, per esempio, carne, miele, latte o uova e tutte le piante e prodotti vegetali regolamentati, dovranno presentare la pre-notifica e la documentazione sanitaria pertinente.

Ogni controllo fisico continuerà a essere effettuato al punto di destinazione fino a luglio 2021.

 

Fase Luglio 2021

Dal 1.07.2021 i commercianti che spostano qualsiasi tipologia di merce (controllata o non controllata) dovranno effettuare una dichiarazione doganale completa al punto di importazione e pagare le relative tariffe doganali

senza alcuna possibilità di ritardo.

  • Saranno richieste dichiarazioni Safety and Security complete, mentre per merci soggette a controlli sanitari e fitosanitari (SPS), questi devono arrivare a un punto di ingresso stabilito con un BCP (Border Control Post) appropriato, con aumento dei controlli fisici e del prelievo di campioni. Controlli SPS per animali, piante e loro prodotti si svolgeranno presso un BCP inglese.
  • Il GVMS (Goods Vehicle Movement Service) sarà attivo per tutte le importazioni, esportazioni e movimenti di transito nelle località di frontiera che hanno scelto per introdurlo.

 

Novità per vendita servizi

Le prestazioni di servizi rese e ricevute tra operatori britannici non rientra nella disciplina transitoria dell’accordo di recesso e dell’ulteriore accordo siglato per la cessione di beni di cui sopra.

Infatti, le operazioni Iva derivate da prestazioni di servizi, effettuate a partire dal 1° gennaio 2021, applicano le regole di territorialità delle prestazioni stabilite dall’articolo 7-ter e seguenti del Dpr 633/1972.

I differenti adempimenti da attuare sono legati al momento di effettuazione dell’operazione.

Gli adempimenti cambiano a seconda che l’operazione sia stata svolta prima o dopo il 1° gennaio 2021 che costituisce a tutti gli effetti uno sparti acque.

Quindi la fattura emessa dall’operatore del Regno Unito anteriormente al 1° gennaio 2021, ma ricevuta dal cessionario IT successivamente al 31 dicembre 2020 comporta la gestione come acquisto comunitario, mentre la fatturazione in data decorrente dal 1° gennaio 2021 sposta l’adempimento fra quelli relativi ai servizi resi dai soggetti non comunitari. La territorialità legata alle fattispecie da 7-quater in poi, diverse da quelle delle prestazioni di servizi generici, determina ulteriori effetti in merito all’assolvimento dell’Iva e al trattamento dell’operazione sia da parte dell'operatore UK, sia del soggetto IT

 

Lorenzo Rogai

 

Dottore Commercialista Revisore Legale dei Conti

 

Archivio news

 

News dello studio

gen29

29/01/2021

Relazioni semestrali codice della crisi

Relazioni semestrali codice della crisi

Codice della crisi, relazioni semestrali estese alle Srl Anche gli amministratori di Srl dovranno, in genere, predisporre relazioni semestrali che, fino a poco tempo fa, erano previste solo per le Spa. LA

gen15

15/01/2021

Novità Brexit

Novità Brexit

Novità Brexit Dal 01.01.2021 è terminato il periodo di transizione con l’Unione Europea e il Regno Unito gestirà un confine esterno come nazione sovrana.   Per concedere

dic21

21/12/2020

NUOVO FORMATO DELLE FATTURE ELETTRONICHE

NUOVO FORMATO DELLE FATTURE ELETTRONICHE

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato il 16.12.2020 un aggiornamento alla guida (scaricabile dall’area del sito dell’Agenzia delle Entrate, https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/aree-tematiche/fatturazione-elettronica)

News

nov22

22/11/2021

Contabilizzazione delle fusioni con impatti sul bilancio consolidato

I gruppi di imprese, soprattutto in questo

nov26

26/11/2021

Bonus teatro e spettacoli: percentuale del credito d'imposta fruibile al 4,1881 per cento

La percentuale del credito d’imposta effettivamente

nov26

26/11/2021

Sgravio contributivo autonomi 2021: recupero in mancanza di regolarità contributiva

Nel messaggio n. 4974 del 2021, l’INPS